A Bologna postina azzannata da un cane, ma non è un caso isolato

a-bologna-postina-azzannata-da-un-cane,-ma-non-e-un-caso-isolato

di Pietro Tabarroni

BOLOGNA – Sembra una storiella da fumetto, invece è tutto vero: stavolta il cane ha davvero azzannato il postino. Anzi, una postina che si ritrova con 25 giorni di prognosi e un polpaccio malmesso dopo aver subito l’aggressione, avvenuta a Baricella in provincia di Bologna, di un pastore tedesco molto poco ‘accogliente’. La donna, avvicinatasi all’abitazione per consegnare la posta, è stata morsa dal cane che, stando a quanto ricostruito dai Carabinieri, avrebbe da solo aperto il cancellino d’ingresso, prima di azzannarla. Gli agenti hanno denunciato il padrone del cane, per lesioni personali colpose.

Destino simile a quello toccato ad una donna di Bentivoglio, denunciata perché il suo American staffordshire terrier si è scagliato, facendole perdere l’equilibrio, contro l’anziana signora che stava tentando di raggiungerlo, dopo aver notato l’animale che si aggirava da solo in mezzo alla strada. L’anziana è stata ricoverata per una frattura al femore, la cui guarigione è stata stimata dai medici in 39 giorni. A queste recenti aggressioni, poi, si somma quella comunicata dai Carabinieri di Bentivoglio il 13 aprile scorso, che è valsa una denuncia per lesioni a un uomo di 54 anni, padrone di un Border collie dalle inclinazioni pericolose. L’animale, che pare non abbia gradito le attenzioni della vittima, ha staccato il lobo dell’orecchio ad una donna, all’interno di un bar. Alla signora, che ha raccolto il lobo e si è precipitata all’ospedale per farselo riattaccare, sono stati prescritti 27 giorni di prognosi, mentre per il cane, dopo gli adeguati controlli sanitari, è stata raccomandata la museruola.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo A Bologna postina azzannata da un cane, ma non è un caso isolato proviene da Ragionieri e previdenza.

Recovery plan, Mirri (Asl Roma 1): “Non bastano macchinari, serve personale”

ROMA – All’interno del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, varato dal Governo Draghi, trova spazio l’ammodernamento digitale del parco tecnologico. Si tratta di un investimento notevole pari a 1,19 miliardi di euro. Un passo importante al fine di garantire il migliore trattamento di radioterapia oncologica possibile a tutti i cittadini, in maniera omogenea su…

Burundi, Ue pronta a revocare sanzioni: “Progressi su diritti”

ROMA – L’Unione Europea ha avviato l’iter per la revoca delle sanzioni economiche imposte cinque anni fa nei confronti del Burundi in virtù degli “sviluppi positivi instradati dal presidente in termini di buon governo, stato di diritto e diritti umani”. A renderlo noto è stato l’ambasciatore dell’Ue nel Paese, Claude Bochu, che ieri è stato…

Uganda, al Lacor Hospital la distribuzione dei kit anti Covid

LACOR (Uganda) – In un Paese di nuovo chiuso nella morsa del lockdown, la onlus Afron è tornata in missione per essere accanto alle donne e ai piccoli pazienti oncologici. Al Lacor Hospital, simbolo della lotta all’ebola che colpì duramente l’Uganda, dalle prime ore del giorno è in corso la distribuzione dei kit anti Covid…